Gli ormoni e i loro effetti sul nostro organismo

Gli ormoni o anche steroidi anabolizzanti sono uno dei brutti mali che troppo spesso infettano il mondo dello sport, sopratutto quello non agonistico, dove i controlli medici sono piuttosto scarsi. Per aumentare l’informazione su tali sostanza, passiamo in rassegna i principali ormoni utilizzati in ambito sportivo, ricordando che tali sostanze non devono mai essere assunte al fine di un aumento delle prestazioni sportive poichè possono arrecare al nostro corpo danni irreparabili di cui quasi nessuno parla.

ORMONE DELL’ACCRESCIMENTO (conosciuto anche come GH)

Il GH (ormone della crescita) è l’ormone dell’accrescimento ed è prodotto dall’ipofisi, piccola ghiandola posta nella scatola cranica alla base del cervello (essa produce molti altri ormoni che controllano anche la funzione sessuale nell’uomo e nella donna). Durante la crescita, l’azione del GH facilita la deposizione della cartilagine di accrescimento che, disposta nelle parti distali delle ossa, porta all’accrescimento in lunghezza delle ossa stesse. Un eccesso di produzione di GH, durante l’accrescimento, sviluppa il quadro del gigantismo.

Se l’eccesso di produzione permane dopo il completamento dell’accrescimento corporeo (intorno ai 20 anni), si sviluppa il quadro dell’acromegalia. L’acromegalico presenta caratteristiche somatiche tipiche: i lineamenti del volto molto marcati con bozze frontali molto prominenti e grosso naso, la mandibola è grossa e squadrata, le mani sono larghe e le dita nodose.

Attualmente il GH è sintetizzabile; tutto il GH di provenienza animale è stato ritirato dal commercio per il rischio di contrarre il morbo della “mucca pazza”. L’indicazione terapeutica del GH è per il trattamento di bambini con insufficienza ipofisaria.

Nell’ambiente sportivo il GH proviene esclusivamente dal mercato nero spesso in forma adulterata. Il suo uso stimola la deposizione di massa muscolare e la riduzione della massa grassa .
Il GH viene normalmente prodotto in condizioni di attivazione del sistema neurovegetativo simpatico (tipicamente durante il lavoro muscolare) pertanto è difficile rilevare un’eventuale somministrazione di GH esogeno

ACTH (Corticotropina)

E’ uno degli ormoni prodotti dall’ipofisi.
La corticotropina stimola la funzione della corteccia surrenale, la quale produce ormoni che, a loro volta, controllano il metabolismo glucidico e l’equilibrio idrico salino. L’attivazione dell’ACTH e della corteccia surrenale è tipica nelle condizioni di stress, pertanto la giustificazione nell’uso di questo ormone è quella di fornire all’atleta una maggior quota di ormone per fronteggiare lo stress. Le complicazioni sono gravi tenuto conto dell’azione multifocale dell’ACTH e degli ormoni surrenali: ritenzione idrica, diabete, alterazioni cutanee, riduzione delle difese immunitarie, miopatie, obesità, osteoporosi, ulcera gastroduodenale.

GONADOTROPINA CORIONICA

Questo ormone ha effetti diversi nell’uomo e nella donna. Nell’uomo, controlla la produzione di testosterone, pertanto viene assunto per ottenere gli stessi effetti degli ormoni androgeni steroidei. Nella donna controlla il processo dell’ovulazione; è anche detto “l’ormone della gravidanza”. Gli effetti collaterali sono riconducibili a quelli degli steroidi anabolizzanti. Due sintomi gravi sono rappresentati dalla cefalea fastidosissima e, sul piano psicologico, dalla depressione.

ERITROPOIETINA (EPO)

Si tratta di una molecola glicoproteica di dimensioni relativamente piccole responsabile del controllo della produzione di globuli rossi. Nel 1977 fu ottenuta EPO purificata dalle urine umane. La sintesi di EPO si effettua per il 90% nei reni e per il 10% nel fegato. Nel rene alcune cellule funzionano come sensori dello stato di ossigenazione del sangue: se questo scende, i sensori inducono sintesi di EPO da parte di specifiche cellule poste vicino ai tubuli renali. L’EPO prodotta nel rene va poi ad agire a livello del midollo osseo stimolando la produzione di globuli rossi. Dal 1983 è stato possibile ottenere EPO mediante la tecnica del DNA ricombinante e renderla quindi disponibile in clinica per il trattamento delle anemie nei nefropatici cronici.

L’EPO endogena e l’EPO esogena sono perfettamente sovrapponibili dal punto di vista degli effetti e questo è largamente vero anche dal punto di vista della struttura chimica. La dose nei pazienti anemici per nefropatia è di 50 UI/kg per tre volte alla settimana per via endovenosa; l’efficacia di trattare in questo modo viene valutato misurando l’ematocrito e cioè il rapporto volumetrico tra parte corpuscolata del sangue (globuli rossi) e plasma.

Nell’arco di tre mesi si raggiunge uno stato stazionario che viene successivamente mantenuto dimezzando la dose ed effettuando piccole correzioni di somministrazione (dell’ordine di 10- 20 UI/kg). L’EPO possiede un’emivita di 3-4 ore ma in effetti la farmacocinetica e la farmacodinamica possono prolungarne l’azione sino a 5-10 giorni dopo l’ultima somministrazione; questa inerzia ne determina una gestione delicata che può facilmente sfuggire di mano

Uso dell’EPO

L’uso dell’EPO nel mondo sportivo è finalizzato ad aumentare la massa dei globuli rossi, e quindi il trasporto di ossigeno nel sangue, nelle discipline di resistenza.

L’aumento dei globuli rossi è valutato in termini di ematocrito che indica la frazione volumetrica occupata dai globuli rossi nel sangue. Normalmente la massa dei globuli rossi è il 45% della massa sanguigna; un suo aumento eccessivo porta alla complicazione della trombosi. L’ematocrito aumenta con l’esposizione all’alta quota: ci vogliono mediamente tre settimane perchè dal valore fisiologico di 45 si arrivi a 50 e almeno quattro per raggiungere il 52. Le oscillazione dell’ematocrito sono quindi fisiologicamente lente.
L’ematocrito si misura centrifugando il sangue, procedura che consente una separazione dei globuli rossi dal plasma: i primi, avendo densità maggiore si accumulano nella parte bassa della provetta, il secondo si dispone nella parte superiore. Con mezzi tecnici adeguati, la misura dell’ematocrito è relativamente facile; con mezzi da campo può dare origine ad errori consistenti.
Il limite di 50 posto per gli atleti rappresenta un valore considerato patologico in ambito clinico; in termini sportivi significa di fatto liberalizzare l’uso dell’EPO purchè non si oltrepassi il limite di 50.
Sulla validità del limite si può ovviamente disquisire. Hanno influenza sull’ematocrito lo stato di idratazione dell’organismo e quindi anche il volume della massa plasmatica. In condizioni di disidratazione l’ematocrito tende ad aumentare; un aumento dell’ematocrito si registra anche al mattino in conseguenza del fatto che, durante la notte, si verifica una tendenza alla riduzione della massa plasmatica per maggior perdita di acqua attraverso le urine.

STEROIDI ANABOLIZZANTI

Gli steroidi anabolizzanti sono sostanze con azione simile a quella dell’ormone maschile testosterone. Le sostanze, come d’altra parte l’ormone, legandosi a specifici recettori cellulari inducono modificazioni tipiche legate alla differenziazione sessuale, principalmente un aumento della massa muscolare e della forza.
Negli steroidi di sintesi viene ridotto l’effetto mascolinizzante mantenendo però l’effetto stimolante sul metabolismo proteico (deposizione di matrice muscolare). Le dosi dopanti (50-200 mg al giorno) sono dieci volte superiori a quelle consigliate per uso terapeutico. Si possono assumere per bocca o con iniezione ritardo.

Negli Stati Uniti sono disponibili statistiche relative all’uso degli steroidi anabolizzanti: tra il 92 e il 93 almeno 500000 persone hanno fatto uso di steroidi, con un giro economico stimato in 100 milioni di dollari all’anno. Almeno 1 ragazzo su 15 ne ha fatto uso; il 25% di questi ragazzi ha invocato una ragione puramente estetica nell’assunzione delle sostanze.

Effetti sulla massa muscolare

L’assunzione di ormoni steroidei induce un aumento della massa muscolare e questo, a sua volta, consente di affrontare allenamenti più pesanti e di conseguenza miglioramenti più marcati derivanti dall’allenamento stesso nelle prove di scatto e potenza. Inoltre gli steroidi inducono riduzione della massa grassa. L’assunzione di farmaci steroidei inibisce la sintesi endogena di testosterone. In uno studio condotto su sollevatori di pesi che assumevano steroidi anabolizzanti si è riscontrato che, alla cessazione della somministrazione, la concentrazione plasmatica di testosterone era ridotta alla metà del normale e rimaneva inferiore al normale per 12-16 settimane.

Nei maschi, si verifica anche un aumento dell’ormone femminile estradiolo di circa sette volte rispetto al normale da cui può derivare ginecomastia .
Una grave complicazione è rappresentata dalla perdita delle proprietà meccaniche ed elastiche del connettivo (tendini) con facilità di rottura .
E’ dimostrato un aumento della facilità alla formazione di trombi, un aumento del rischio di infarto e di complicazioni cardiovascolari
Si riscontra una riduzione della frazione dei lipidi plasmatici indicata come HDL (cosidetto colesterolo “buono”) ed un aumento della frazione LDL (cosidetto colesterolo “cattivo”).


Un altro effetto negativo legato all’uso degli steroidi è la depressione della risposta immunitaria .
Nel sesso femminile si verifica la completa disorganizzazione del ciclo mestruale, un arresto dell’accrescimento corporeo, il cambiamento della voce, la crescita di peli, irsutismo, un aumento della secrezione sebacea, acne e riduzione di volume delle mammelle.

ANABOLIZZANTI NON STEROIDEI

Includono sostanze con effetto anabolico se somministrate sistematicamente (salbutamolo, salmeterolo, terbutalina, beta-agonisti).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.